MAGISTERO PARTE SECONDA: UNA REALTÀ COMPLESSA E DIVERSIFICATA

MAGISTERO PARTE SECONDA: UNA REALTÀ COMPLESSA E DIVERSIFICATA

Questo articolo e’ anche disponibile in: Inglese

Parte seconda di una serie in quattro parti sul ruolo del magistero ovvero del sacro ufficio dell’insegnamento dei vescovi e del papa della Chiesa cattolica romana.
Se il termine “Magistero” significa “ufficio dell’insegnamento” e si riferisce al ruolo dell’insegnamento del Papa e dei vescovi, dove vengono lasciati tutti gli altri insegnanti della Chiesa: genitori, catechisti, professori, sacerdoti e diaconi?
La risposta è che resta molto lavoro da fare per tutti questi!.
Trasmettere la Tradizione cattolica a persone che non hanno ancora ascoltato il Vangelo, siano esse nuove generazioni di bambini cattolici o popoli non evangelizzati, questo è un compito che richiede gli sforzi di tutta la Chiesa (DV10). L’attività didattica della Chiesa non si limita certo al duro lavoro del papa e dei vescovi.

Successori degli apostoli, insegnanti con autorità

Il loro ruolo unico di insegnamento, tuttavia, è che, in quanto successori degli apostoli, giudicano autorevolmente ciò che è in accordo con il Vangelo e ciò che non lo è. L’insegnamento del Magistero stabilisce gli standard.
Nel formulare il loro insegnamento, il Papa e i vescovi si affidano all’aiuto di teologi che non sono vescovi. E una miriade di insegnanti trasmette e spiega l’insegnamento del Magistero una volta che è stato formulato. Eppure è chiaro dove guardare per conoscere la posizione autenticamente cattolica su un argomento. Quando diciamo “la Chiesa insegna” qualcosa, stiamo parlando dell’insegnamento del Magistero.
Ma questo insegnamento magisteriale è presentato alla chiesa in diversi modi. Prima di tutto, c’è la distinzione tra il Magistero locale e il Magistero universale.

Magistero locale e Magistero universale

I vescovi locali predicano giorno dopo giorno e talvolta scrivono lettere pastorali al loro gregge. Occasionalmente si incontrano con altri vescovi come nelle conferenze episcopali nazionali. I documenti che scaturiscono da tali occasioni sarebbero esercizi del Magistero episcopale locale. Ma l’insegnamento comune dei vescovi in tutto il mondo ha ovviamente un peso maggiore poiché è espressione del Magistero episcopale universale. Il Papa, sebbene abbia la responsabilità pastorale della diocesi locale di Roma, è il successore di Pietro. In tale veste, ha una responsabilità e un’autorità uniche nel nutrire l’intero gregge (Giovanni 21), quindi tutto il suo insegnamento è un esercizio del Magistero universale.

Magistero papale ordinario

Ma ma quando esaminiamo il Magistero Pontificio, vediamo che il suo insegnamento assume molte forme: ci sono omelie, udienze e discorsi quotidiani (a volte chiamati “allocuzioni”), poi ci sono documenti di vario tipo. Alcuni provengono direttamente dal Papa, come lettere apostoliche, encicliche e sempre più solenni “costituzioni apostoliche”. Alcuni provengono dai dipartimenti della sua “curia” o amministrazione, come la Congregazione per la Dottrina della Fede.
Tutti questi sono espressione dell’universalità del, magistero papale e quindi sono importanti. Eppure le diverse forme aiutano a indicare diversi gradi di importanza. Ad esempio, quando il Catechismo della Chiesa Cattolica fu presentato ufficialmente al mondo da Papa Giovanni Paolo II, egli scelse di promulgarlo attraverso una Costituzione Apostolica, indicando la suprema importanza del Catechismo come espressione della Fede Cattolica.

Questioni di disciplina

Questo ci porta a un’importante distinzione tra i tipi di argomenti trattati dai documenti magisteriali. Il militante della Chiesa fa parte di una famiglia di circa 1 miliardo di persone. Come ogni famiglia, ci devono essere varie regole per condurre le cose senza intoppi. Alcune di queste regole non sono necessariamente leggi morali date da Dio, ma sono piuttosto regolamenti sviluppati dai capi della famiglia per mantenere il buon ordine. Nella comunità cattolica si parla di cose simili come di “disciplina”. Questioni liturgiche come quando ci inginocchiamo o ci mettiamo in piedi durante la Messa, le festività d’obbligo, le leggi di digiuno e di astinenza e il celibato sacerdotale: tutti questi sono esempi di disciplina. Queste pratiche, data la loro origine umana, sono cambiate nel corso degli anni e possono variare da luogo a luogo nel mondo cattolico.

Questioni di dottrina

“Dottrina”, d’altra parte, si riferisce all’insegnamento di Dio e al suo piano per le nostre vite che scaturisce dalla Divina Rivelazione. La dottrina, o insegnamento pertinente alla fede e alla morale, ha un rapporto diretto con la nostra salvezza. Non è di origine umana ma alla fine viene da Dio, sebbene sia espressa in parole umane. La verità di Dio non cambia. La comprensione e l’articolazione della Chiesa possono diventare più chiare e profonde col passare del tempo, quindi possiamo parlare di “sviluppo della dottrina” (CCC 94). Ma non vi è alcun dubbio su alcuni cambiamenti arbitrari nell’insegnamento dottrinale da parte del Magistero. Il Magistero non può sottrarre o aggiungere nulla al “deposito della fede” – può solo trasmetterlo, spiegarlo e difenderlo.

Dogma

Dogma “è meglio compreso come un sottoinsieme della dottrina. I dogmi sono verità dottrinali che il Magistero propone senza esitazione come rivelate da Dio e quindi vincolanti per i fedeli (CCC 88). Che Gesù è vero Dio e vero uomo, che l’unico Dio è una Trinità di tre persone, che l’Eucaristia è veramente il corpo e il sangue di Cristo: questi sono dogmi che devono essere accettati da tutti coloro che desiderano definirsi cattolici. Molti di questi dogmi sono stati solennemente definiti dai concili ecumenici e in alcuni casi dai papi. Ma prima che fossero definiti attraverso tali atti straordinari del Magistero, venivano già insegnati come dogmi attraverso l’esercizio universale, ordinario, del Magistero episcopale mentre i vescovi continuavano a insegnare al loro gregge in tutto il mondo, giorno per giorno.


Per le altre parti della serie sul Magistero, vedere:

Magisterium, PART I
Magisterium, PART II
Magisterium, PART III
Magisterium, PART IV

 

No Comments

Post A Comment