MAGISTERO – PARTE PRIMA: COS’ È E PERCHÈ NE ABBIAMO BISOGNO

MAGISTERO – PARTE PRIMA: COS’ È E PERCHÈ NE ABBIAMO BISOGNO

Questo articolo e’ anche disponibile in: Inglese, Spagnolo

Questo e il primo di una serie di 4 articoli sul Magistero, o sacro ufficio dell’ insegnamento della Chiesa cattolica. Presenta il rapporto tra autorità della Chiesa e autorità biblica. Spiega anche perché i documenti scritti, persino gli scritti ispirati della Bibbia, richiedono un’interpretazione autentica e autorevole.

Tutti i cristiani sono d’accordo su questo, che la Bibbia è la parola autorevole e ispirata di Dio e dovrebbe governare la fede e la vita della comunità cristiana. Ciò che è in accordo con la Scrittura è buono. Ciò che contraddice la Scrittura deve essere respinto.

L’autorità delle scritture

I riformatori protestanti, ispirati dallo zelo per la parola di Dio, fecero un ulteriore passo avanti. Sotto lo stendardo di Sola Scriptura! hanno proclamato la Bibbia come l’unica autorità infallibile per i cristiani. Ciò significava che sia la Tradizione che l’autorità della Chiesa potevano essere contrastate in nome della fedeltà alla Scrittura.
C’è una cosa divertente, comunque. Fin dall’inizio della riforma, il movimento che ha concordato l’autorità suprema della Bibbia non è stato d’accordo su ciò che la Bibbia avesse detto. Il movimento protestante è stato diviso fin dall’inizio. Quasi 500 anni dopo, vediamo migliaia di chiese in competizione che rivendicano la stessa eredità della Bibbia e della Sola Scriptura.

Magistero e interpretazione della Bibbia

Il disaccordo nasce dal fatto che la Bibbia è una raccolta di documenti scritti e una delle verità su tutti i documenti scritti, anche se sono ispirati dallo Spirito Santo, è che possono essere interpretati in modo diverso da persone diverse.
I padri fondatori d’America lo sapevano. Ecco perché oltre a fornire una costituzione per gli Stati Uniti, istituirono un sistema giudiziario che fungesse per sempre da autorità preposta ad interpretare e applicare quel documento scritto. Se il Paese doveva mantenere la sua unità, a ogni generazione doveva essere affidata l’autorità di determinare ciò che era in accordo con la Costituzione e ciò che non lo era. Negli Stati Uniti, questa è la responsabilità della Corte Suprema.
Possiamo vedere questo stesso principio operare anche negli sport organizzati. Ogni sport ha una serie di regole. Nel baseball, per esempio, sorgono aspre discussioni sul fatto che una palla sia valida o meno e se un giocatore sia riuscito a porsi in salvo o no. Gli arbitri sono quindi una necessità assoluta in ogni sport, bisogna che qualcuno abbia l’ultima parola sul come interpretare e applicare le regole.

L’interpretazione Apostolica come autorità nell’insegnamento

Il Signore Gesù Cristo non è certamente meno saggio dei padri fondatori degli Stati Uniti o del commissario del baseball. Nel fondare la sua Chiesa, egli stesso non ha scritto nulla, tranne nella sabbia (Giovanni 8: 8). Invece, istituì il collegio degli apostoli, riunito attorno a Pietro, come autorità di insegnamento vivente, incaricato di trasmettere e insegnare tutto ciò che avevano ricevuto da Gesù. Lo hanno fatto attraverso l’istruzione orale e infine alcuni scritti.
Attraverso l’imposizione delle mani, che conosciamo come sacramento degli ordini sacri, gli apostoli a loro volta affidavano la loro autorità di insegnamento, o magistero, ai loro successori, chiamati vescovi, e impartivano loro lo stesso carisma di verità che avevano ricevuto dallo Spirito Santo (CCC 861-862).

Quali libri sono autentici?

Questi successori hanno scoperto quali dei molti libri e lettere cristiani che portavano nomi di apostoli erano davvero autentici e meritavano di essere considerati sacre scritture. Grazie a loro, i falsi vangeli di Tommaso e Maria Maddalena non vengono letti ogni domenica nelle nostre chiese.
Hanno anche trasmesso e interpretato tradizioni apostoliche che non sono state scritte nei libri del Nuovo Testamento, come la pratica dell’incontro per il culto settimanale della domenica, il giorno della risurrezione del Signore, piuttosto che del sabato, il sabato ebraico. Alla fine, furono loro a interpretare e applicare autorevolmente le sacre scritture tra tante controversie, come la controversia del IV secolo sulla divinità di Cristo.

Magistero – Compito di insegnamento

Questo ruolo di insegnamento dei successori degli apostoli, riuniti attorno al successore di Pietro, è chiamato “il Magistero”, che deriva semplicemente dalla parola latina per il ruolo di insegnamento.
Il Magistero della Chiesa non è superiore alla Parola di Dio che viene a noi attraverso la Scrittura e la Tradizione. Il Magistero è chiaramente sotto la sua autorità – è il servitore della Parola. Il suo ruolo è quello di salvaguardare fedelmente la verità su Dio e il suo piano per le nostre vite, che ha trovato piena espressione nell’insegnamento e nell’opera salvifica di Gesù Cristo, la Parola fatta carne. Non deve aggiungere o sottrarre nulla alla rivelazione. Ha solo il compito di interpretarla e applicarla fedelmente (CCC 85-86).

Assistenza divina

Il Magistero dovrebbe funzionare in modo molto simile alla Corte Suprema nella sua forma migliore o come un buon arbitro.
Ma ci sono delle differenze molto grandi. Né la Costituzione degli Stati Uniti né il regolamento ufficiale di uno sport sono documenti ispirati dallo Spirito Santo. La Bibbia, invece, lo è. Né la corte suprema né gli arbitri di uno sport hanno ricevuto una promessa di speciale assistenza divina. Ma i successori degli apostoli ce l’hanno. Parlando con gli apostoli, Gesù disse “chi ascolta voi, ascolta me” (Luca 10:16). Il Magistero parla con l’autorità di Cristo, guidato e potenziato dallo Spirito di Verità.

L’autorità della Chiesa sostiene l’autorità della Bibbia

Quindi alla fine non c’è opposizione tra la Bibbia e il Magistero della Chiesa. In realtà sono così interdipendenti che il Nuovo Testamento stesso chiama la Chiesa “il pilastro e il baluardo della verità” (I Timoteo 3:15). Autorità biblica e autorità della Chiesa: non è possibile avere l’una senza avere l’altra.
Questo scritto illustra l’importanza del Magistero, l’autorevole ufficio di insegnamento della Chiesa cattolica, come chiave interpretativa della Parola di Dio contenuta nella Bibbia, le sacre scritture.

No Comments

Post A Comment