Paradiso, Matrimonio e Risurrezione – I Sadducei e la Vedova

Questo articolo e’ anche disponibile in: Inglese, Spagnolo

Ci sara’ matrimonio in cielo? La risposta di Gesu’ ai Sadducei riguardo alla vedova di sette mariti deve essere compresa alla luce di alcune importanti verita’ sulla risurrezione e la vita dopo la morte.

A considerare la storia ebrea, sembrerebbe piuttosto strano. Dopo tutto, per centinaia d’anni gli ebrei vissero a fianco di una popolazione totalmente preoccupata della vita dopo la morte.  Gli  Egiziani costruivano piramidi che erano meraviglie del mondo antico.  Ma avevano l’unico scopo di lanciare i loro capi nell’aldila’.

Tuttavia gli ebrei davvero non avevano un concetto della vita dopo la morte.  Certo, credevano nello Sheol (alias Hades) ma la indistinta esistenza d’oltretomba delle anime dei morti non poteva essere correttamente chiamata “vita”.  Per gli ebrei, a differenza di greci ed egiziani, l’anima non poteva avere una vera esistenza separata dal corpo. Un essere umano, nella loro visione, non “possiede” soltanto un corpo.  Questo non e’ come un veicolo che l’anima guida  in giro.  No, il corpo e’ parte essenziale della persona. Il corpo e’ la persona.

Cosi’ alla fine, quando circa 150 anni prima di  Cristo un gruppo di  ebrei devoti chiamati farisei venne a credere in una vita dopo la morte, essi sapevano istintivamente che il corpo doveva essere coinvolto.  La Salvezza non consisteva nell’abbandonare il corpo per partecipare alla beatitudine come anime angeliche, ma piuttosto doveva  implicare la resurrezione del corpo.

L’organizzazione religiosa ebrea non accetto’ mai questa idea.  Ancora oggi, la maggior parte degli ebrei non ha una chiara convinzione sulla vita nell’aldila’.  Al tempo di Gesu’  i consevatori,  che includevano i preti, si chiamavano  Sadducei.  In Luca 20: 27-38 un gruppo di Sadducei presenta a Gesu’ uno scenario scelto per porre in discredito la ridicola credenza sulla resurrezione.  In questo mondo, la morte di uno sposo lascia libera la sposa di maritarsi con un altro.  Cosa succeede se lei rimane vedova sei volte e si sposa un settima volta?  Nella resurrezione, tutti saranno vivi allo stesso tempo, lei di chi sara’ moglie?

Mentre quelli se la ridono sotto i baffi, il Signore Gesu’ espone il problema. Essi assumono che la resurrezione sia un puro risuscitare, un ritorno alla vita corporea come la sperimentiamo correntemente.  Ma Gesu’mostra come i nostri corpi risorti saranno differenti da quello che sono ora. I nostri corpi ora sono mortali, vulnerabili, fragili. Una vita passata a nutrirsi con estrema cura e vissuta praticando disciplinatamente esercizi fisici puo’ essere rovinata istantaneamente dall’improvviso incontro con un camion.

Nella resurrezione diverremo simili agli angeli nel modo seguente: i nostri corpi non saranno piu’ mortali e vulnerabili.  Non so cosa ne pensiate voi, ma per me questo cambiera’ sostanzialmente il mio stile di vita e la mia routine giornaliera.

Il matrimonio e’ certamente una relazione d’amore.  Ma e’ anche una istituzione vincolata strettamente alle realta’ della vita mortale.  La riproduzione e’ necessaria perche’ un giorno moriremo e quindi dobbiamo tirar su chi e’ destinato a sostituirci.  In paradiso, non dovremo preoccuparci della sopravvivenza della specie o del nome di famiglia . Pagare le bollette e quadrare il bilancio e’ una larga parte dell’istituzione del matrimonio e della famiglia come noi la conosciamo.  Ma i pagamenti per far fronte ai quali noi lavoriamo sodo ogni mese non saranno piu’ un problema nell’aldila’.  Non c’e’ bisogno di assicurazione medica quando sei immortale.

marriage photo loving elderly couple

Ma ci sono cose del matrimonio che dureranno per sempre.  Il matrimonio punta oltre se stesso verso delle realta’ eterne.  Dio e’ una intima ed amorosa comunione di persone. Noi siamo fatti a  immagine e somiglianza  di un Dio  in tre persone, il che significa che siamo fatti per amare donando noi stessi.  Il matrimonio e’ l’attuazione di questa vocazione come pure il simbolo di un rapporto d’amore anche piu’ grande, il ‘matrimonio’ tra Dio ed il Suo popolo, Cristo e la Sua Chiesa.

Ci sono quindi cose in questa vita e nel matrionio, che dureranno per sempre. Ma ci sono anche cose che scompariranno.  La resurrezione non sara’ una continuazione della vecchia vita, sara’ una trasformazione di vita, il lancio in un nuovo ambito di vita, una vita di eterno amore di Dio  e degli “altri’ che sara’ piu’ eccitante di quanto sia possible immaginare.

Questo articolo sull’opposizione dei Sadducei alla risurrezione esamina la loro discussion con Gesu’ sulla vedova di sette mariti. Questo articolo su matrimonio e Paradiso e’ offerto come riflessione sulle scritture della 32esima domenica di tempo ordinario, anno C (2 Maccabei 7:1-2, 9-14   2 Tessalonicesi  2:16-3:5   Luca 20:27-38).