L’EUCARESTIA CONFRONTATA COL CIBO SENZA VALORE – SIAMO CIÒ CHE MANGIAMO

L’EUCARESTIA CONFRONTATA COL CIBO SENZA VALORE – SIAMO CIÒ CHE MANGIAMO

Questo articolo e’ anche disponibile in: Inglese, Spagnolo

L’unico miracolo riportato in tutti e quattro i vangeli è la moltiplicazione dei pani e dei pesci. Sarà forse per enfatizzare l’importanza centrale della nutrizione spirituale che Gesù, il Pane della Vita, ci fornisce attraverso l’Eucaristia? E potrebbe essere che una dieta a base di cibo senza valore al posto del banchetto eucaristico sia un fattore nel declino spirituale che vediamo nel mondo occidentale? Riflettiamo su Giovanni 6.

Negli anni ottanta George Gallup condusse un sondaggio chiamato “La religione in America”. Studiò due gruppi di americani, quelli che frequentavano regolarmente la chiesa ed appartenevano a varie denominazioni cristiane, da un lato, e dall’altro le persone totalmente lontane dalla Chiesa. Interrogò entrambi i gruppi su questioni che andavano dalla divinità di Gesù, all’imbrogliare sull’imposta sul reddito, all’infedeltà nel matrimonio, all’aborto.

Non essere conformi al mondo

I suoi risultati furono scioccanti. L’intero 88% dei fedeli aveva risposte identiche a quelle della gente senza chiesa. Lui chiamò queste persone cristiani nominali. Solo il 12% dei fedeli aveva opinioni e stili di vita che erano riconoscibilmente cristiani.

Attenzione però. Efesini 4: 17-24 ci dice che essere cristiani significa vivere in un modo radicalmente diverso rispetto al modello offerto dalla società pagana che ci circonda. Essere un cristiano significa acquisire una mente nuova e diventare una persona nuova; una che riflette l’immagine e la somiglianza di un Dio Santo.

Allora, perché 88% dei fedeli non lo capiscono? Hanno presumibilmente sentito questo passaggio in chiesa più di una volta. Forse perché è vero l’adagio“ sei quello che mangi“.

Cibo spirituale senza valore

Recentemente ho sentito qualcuno scherzare sul fatto che se è vero che tu sei quello che mangi, la maggior parte degli americani sono veloci, facili ed economici. Ma più spaventoso di ciò che mettiamo in bocca è ciò che mettiamo nelle nostre menti. L’americano medio guarda oltre 20 ore di televisione alla settimana. Quando non guardiamo lo schermo televisivo, siamo spesso on-line sull’internet, sfogliamo una rivista, o ascoltiamo il nostro iPod. Dovremmo essere sorpresi che i nostri valori riflettono i valori del mondo dello spettacolo e le notizie dei media? Dopo tutto, uno è quello che mangia.

Eucarestia – il pane della vita

Ecco perché Gesù si offre a noi come il pane della vita, il pane che discende dal cielo. Sino a partire dall 16 ° secolo, la gente ha spesso discusso il significato di Giovanni al capitolo 6. Dobbiamo interpretare la manna dal cielo come la Sua Parola, o piuttosto come l’Eucaristia? Questa è una falsa alternativa, come ci mostra la Messa. Una tradizione antica che risale ai primi Padri della Chiesa dice che noi ci nutriamo di Cristo a due tavole, la mensa della Parola, simboleggiata dall’ambone e la tavola della Eucaristia, che è l’altare.

Due tavole – La parola e il Sacramento

Ogni Messa offre una festa della parola di Dio non solo nelle letture, ma anche nelle preghiere e nelle acclamazioni che di solito sono citazioni dirette o parafrasi dalle Scritture. La parola di Dio nella liturgia è come una spada a doppio taglio che penetra in profondità, sfidandoci, guarendo le nostre ferite, illuminando la nostra mente, indirizzando i nostri passi. Stimola gli occhi della fede per riconoscere il corpo e il sangue di Cristo sotto le umile spoglie del pane e del vino. L’Eucaristia è davvero il cibo più sostanzioso che Lui ci offre. Siamo chiamati ad essere il Corpo di Cristo. Perché il Signore ci ha dato il Suo corpo, sangue, anima e divinità sotto le specie del pane e del vino? Perché siamo quello che mangiamo.

Un sacco di cattolici che vanno regolarmente a Messa fanno parte della maggioranza cosidetta nominale dell’88%. Perché? Perché la Parola e l’Eucaristia possono essere mangiate solo con la fede e digerite da coloro che non sono gonfi di cibo senza valore. Molti ascoltano appena le letture della domenica perché le loro menti sono riempite dalle canzoni ascoltate lungo la strada verso la Chiesa o sono prese dalle voci della lista delle cose da fare. Molti sentono la parola ma la dimenticano in fretta dal momento che per tornare a nutrirsi della parola di Dio aspetteranno la Messa della Domenica seguente.

Manna di Dio, il nostro pane quotidiano

Se esaminiamo attentamente il 12% dei fedeli, quelli con uno stile di vita riconoscibilmente cristiano, troviamo che la maggior parte di loro rifugge dal cibo intellettuale senza valore, viene alla Messa affamata (forse questo è il senso dell’ora di digiuno prima della comunione). Mi aspetto che usino un pò di tempo per digerire la Parola e l’Eucaristia con momenti regolari di preghiera silenziosa per tutta la settimana. E scommetto che sono abbastanza intelligenti da sapere che non si mangia una volta sola alla settimana se ci si aspetta di correre la gara per vincere (1 Corinzi 09:24). Come gli israeliti nel deserto, questi cristiani raccolgono la manna della Parola di Dio ogni giorno e ne fanno il loro pane quotidiano. Alcuni addirittura frequentano quotidianamente l’Eucaristia.

Cibo che soddisfa

Oltre ad essere più stimolante, la vita del 12% nel sondaggio di Gallup mostra un’altra caratteristica. Essi si presentano considerevolmente più contenti sia dei non credenti che dei cristiani nominali i quali come i non credenti sono afflitti da un vago senso di vuoto.

Il cibo senza valore può avere un buon gusto, ma spesso ci risulta indigesto. Al contrario il pane della vita soddisfa. Siamo stati fatti per esso. Come dice Gesù, “nessuno che viene a me avrà mai fame, nessuno che crede in me avrà di nuovo sete.”

Questo articolo è offerto come commento alle letture della diciottesima domenica del tempo ordinario, ciclo B (Esodo 16: 2-15; Efesini 4: 17-24; Giovanni 6: 24-35).

No Comments

Post A Comment