CORPUS CRISTI, IL CORPO DI CRISTO E L’ANTICO TESTAMENTO

Questo articolo e’ anche disponibile in: Inglese, Spagnolo

La messa . . . l’Eucaristia. . . la Cena del Signore. . . il Santissimo Sacramento. . . la Santa Comunione . . . la transustanziazione: ciò che i cattolici hanno creduto e insegnato riguardo a questa meravigliosa realtà, con qualunque nome si chiami, è ciò che viene celebrato nella festa del Corpus Domini, il Corpo e il Sangue di Cristo. Ma per capirlo, bisogna comprendere l’insegnamento dell’Antico Testamento sul sacrificio e la comunione.

I cattolici non vanno solo in chiesa la domenica, come fanno gli altri cristiani. Vanno a Messa.
Natale, Capodanno, matrimoni, funerali. Sembra che non si possa proprio fare nulla di importante senza questa cerimonia chiamata Messa che alcuni considerano un sacrificio e altri come un pasto di comunione e altri ancora come “la presenza reale”.

Allora che cos’è: sacrificio, cena o “presenza reale” e perché fissarsi su tutto questo?

Come la maggior parte delle cose nel Nuovo Testamento, è davvero impossibile avere una comprensione completa senza una seria conoscenza di ciò che chiamiamo Antico Testamento.

Lo sfondo dell’Antico Testamento

Quando ho letto per la prima volta il racconto di Mosè che chiedeva al faraone di “lasciar andare la mia gente”, pensavo che Mosè stesse usando uno stratagemma sanzionato da Dio quando disse al faraone che la ragione per cui voleva allontanare il popolo e il loro greggi dall’Egitto era per poter offrire un sacrificio al loro Dio nel deserto. Ma dopotutto quella era davvero la vera ragione. Dio li aveva liberati dalla schiavitù del faraone in modo che potessero essere liberi di entrare in una relazione esclusiva e intima con Lui stesso, un’alleanza. Diede loro la legge che sarebbe stata la condizione di questa alleanza sul monte Sinai e, dopo aver detto “Sì,” sigillarono l’accordo attraverso un rituale piuttosto strano. Si noti che era strano anche per loro.

Oh, il sacrificio era abbastanza normale. Si trattava di offrire a Dio i migliori animali che avevano. A volte si versa il loro sangue a Dio e poi si brucia l’intero animale. Altre volte si offre a Dio un animale perfetto come espiazione per il peccato, con il sangue e il grasso che vanno a Dio e le parti più raffinate che vanno a nutrire i sacerdoti, i rappresentanti di Dio. Molto spesso, però, il sangue e il grasso andavano a Dio, e il resto dell’animale veniva mangiato solennemente da coloro che offrivano il sacrificio (spesso chiamato “offerta di pace”) in uno speciale pasto di ringraziamento, un segno di comunione con Dio, che era considerato presente al pasto (Esodo 18:12). Dopo tutto, quale segno più universale di condivisione di una vita in comune è il fare un pasto insieme?

Alleanza, Comunione e Sacrificio di sangue

Ma il sacrificio per suggellare la prima alleanza fu diverso. La metà del sangue degli animali sacrificati fu versata a Dio alla base dell’altare. L’altra metà venne spruzzata sulla gente. Nella mente degli antichi israeliti il sangue eguagliava la vita, ed era proibito consumare sangue, poiché tutta la vita apparteneva a Dio. Qui Israele e Dio sono legati da una cerimonia di sangue, diventando parenti intimi, una famiglia. Quindi Mosè e gli anziani celebrarono ulteriormente la loro nuova relazione di sangue con Dio mangiando gli animali sacrificati alla presenza di Dio, sul Monte Santo (questo è ciò che significa Esodo 24:11 – dopo aver visto Dio, potevano ancora mangiare e bere).

Nel Nuovo Testamento, Dio fa un passo in più. La liberazione non è solo dal duro lavoro dei progetti di costruzione del Faraone, ma dal peccato, da Satana e persino dalla morte. Per vincere questo premio, Dio il Figlio diventa uomo e offre il suo corpo come sacrificio estremo che toglie il peccato e crea un grado di comunione tra Dio e l’uomo fino ad ora inconcepibile.

corpus christi christ transubstantiation

Divenire il corpo di Cristo

Il suo sangue non solo fu versato alla base dell’altare della croce, come offerta della sua vita al Padre, ma venne anche dato ai suoi discepoli da bere, sotto la forma sacramentale del vino. Questo è un simbolo che è nella realtà ciò che simboleggia e trasmette ciò che contiene: la vita immortale dell’uomo-Dio, che ci lega a Dio come nessun altro può mai fare. E ci dà la forza di essere come lui, vivere come lui, anzi divenire lui. Sei quello che mangi. Il Corpo e il sangue di Cristo ci sono dati come cibo in modo da divenire il Corpo di Cristo ed avere la sua stessa vita che scorre nelle nostre vene.

Presenza reale? Pasto di unione? Sacrificio? Si assolutamente. Tutti e tre, o niente.

Questo scritto sulla transustanziazione, o “la presenza reale del corpo e del sangue di Cristo nell’Eucaristia”, è offerto come riflessione sulle letture per la solennità del Corpus Domini (Genesi 14: 18-20, Sal 110, ICor 11: 23-26; Lc 9: 11-17).