COMPRENDERE LA MESSA, PARTE PRIMA – IL SACRIFICIO DI CRISTO

COMPRENDERE LA MESSA, PARTE PRIMA – IL SACRIFICIO DI CRISTO

Questo articolo e’ anche disponibile in: Inglese, Spagnolo

Questo primo scritto di una serie in 5 parti sulla comprensione della messa si concentra su come l’Eucaristia sia un sacrificio, una ri-presentazione del sacrificio compiuto una volta per tutte da Cristo in Croce sul Calvario, come pure un’esperienza della Risurrezione e della Pentecoste dello Spirito Santo.

Perfino i cattolici che non sanno molto della loro fede hanno una vaga consapevolezza che dovrebbero andare a messa la domenica, almeno in tempi normali. Se pero’ chiedete loro di descrivere la Messa, potrebbero dirvi che presenta un’introduzione, una conclusione e una colletta!

In realtà, la Messa (chiamata anche Eucaristia o Divina Liturgia) ha due parti principali, la Liturgia della Parola e la Liturgia dell’Eucaristia. Ma invece di analizzarne le parti, vorrei esaminare la Messa nel suo insieme osservando i suoi tre aspetti principali. Ora e sempre, la Messa comporta un sacrificio, la presenza di Cristo e un pasto.

Website Option 2 undated maroon

IL SACRIFICIO DELLA MESSA E DEL CALVARIO

È importante sapere cosa intende la Chiesa con il “sacrificio” della Messa. Il termine è facilmente frainteso e ha causato molti conflitti tra i cristiani.

Prima di tutto, l’insegnamento della Chiesa ribadisce ciò che la Scrittura afferma molto chiaramente: non c’è altro sacrificio se non quello offerto da Gesù sul Calvario. Ebrei 10:12 afferma che Cristo “offrì per sempre un singolo sacrificio per i peccati”. Quel sacrificio non può essere ripetuto. La Messa, quindi, non è una ripetizione di quel sacrificio;è la presentazione di quel sacrificio.

Poiché Cristo è un essere umano unico, il sacrificio che ha offerto sulla croce una volta per tutte è stato un atto unico. È stato un atto che ha avuto luogo in un momento specifico della storia ed è quindi passato. Ma Gesù è anche Dio, che è fuori dal tempo: passato e futuro gli sono sempre presenti. Ciò significa che gli eventi storici della morte e risurrezione di Cristo sono anche atti eterni che possono essere resi presenti dal potere dello Spirito

entomb giotto w
Questo è esattamente ciò che accade nell’Eucaristia. Il potere del Calvario – il sacrificio che toglie i peccati, guarisce e trasforma – diventa presente e disponibile per noi. Può essere applicato alle nostre necessità.

LA MESSA E LA RISURREZIONE

Ma non è tutto. La croce è incompleta senza la Risurrezione. Non si può capire cosa è successo il Venerdì Santo separandolo da quello che è successo due giorni dopo, la domenica di Pasqua. Ciò significa che anche la risurrezione viene resa presente ogni volta che si celebra l’Eucaristia. Quando andiamo alla Messa, siamo presenti ai piedi della croce, osservando il Salvatore dare la Sua vita per noi. E siamo davanti alla sua tomba aperta con Gesù risorto e le donne che lo hanno salutato in quella mattina della Risurrezione. “Questo è per te. Ti do la mia vita ”, sta dicendo Gesù. “Ricevi il mio potere.”

COMPRENDERE LA MESSA COME UNA NUOVA PENTECOSTE

Gesù si offrì in sacrificio per portarci la salvezza e darci il Suo Spirito. La Pentecoste è il frutto del sacrificio della Croce e della vittoria della Risurrezione. Pertanto, la Chiesa insegna che ogni Messa è una nuova Pentecoste, una nuova opportunità per ricevere di nuovo lo Spirito (vedere il Catechismo della Chiesa Cattolica, par. 739).

Per riassumere, la Messa è il sacrificio di Cristo reso di nuovo presente. Non viene richiamato, come se fosse stato assente o fosse semplicemente un evento passato. Viene riproposto in tutta la sua maestosità e potere trasformante.

Questo articolo si concentra sul rapporto tra l’eucaristia e il sacrificio di Cristo sul Calvario. È la parte prima di una serie di scritti in cinque parti su Comprendere la messa. Per leggere le altre parti selezionare Parte IIParte IIIParte IV and Parte V. La serie Comprendere la Messa è adattata dal libro di Marcellino D’Ambrosio Exploring the Catholic Church (Servant, 2001).

No Comments

Post A Comment